Articolo tratto da: Leggi post originale

Fonte: Guida Fisco

Istruzioni allo Spesometro 2017: A partire dal 1° gennaio 2017, per effetto del decreto legge 22 ottobre 2016, n. 193 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 249 del 24 ottobre scorso, è entrata in vigore la Comunicazione IVA – Spesometro 2017.

Tutte le informazioni essenziali:

  1. Che cos’è lo Spesometro 2017 ? E’ una comunicazioni obbligatoria per i soggetti titolari di partita IVA, da presentare annualmente all’Agenzia delle Entrate con specifico modello. Attraverso lo spesometro il soggetto passivo IVA, indica analiticamente le fatture per singolo cliente o fornitore.
  2. Cosa sono la Comunicazioni IVA fatture e liquidazioni? A partire dal 1° gennaio 2017, lo Spesometro annuale è stato sostituito con una nuova comunicazione: la Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute con periodicità trimestrale,  salvo per alcune categorie di contribuenti come i forfettari, minimi, PA e produttori agricoli limitatamente a determinati terreni.
  3. Quali sono le fatture da comunicare? 
    • Le fatture emesse, indipendentemente dalla loro registrazione;
    • Le fatture ricevute e bollette doganali;
    • Note di variazione.
  4. Quali dati è necessario comunicare per ciascuna fattura?
    • Dati identificativi dei soggetti coinvolti nelle operazioni;
    • Data e numero della fattura;
    • Base imponibile;
    • Aliquota applicata;
    • Imposta;
    • Tipologia di operazione.

NOTA:  i contribuenti che entro la fine di marzo 2017 non hanno esercitato l’opzione per la trasmissione telematica dei dati delle fatture emesse e ricevute, possono comunque utilizzare il Sistema di Interscambio (SdI) per emettere o ricevere fatture elettroniche.

Ricordiamo qui le scadenze per la comunicazione liquidazioni Iva:

Trimestre Scadenza
1° trimestre: entro il 31 maggio 2017;
2° trimestre: entro il 16 settembre 2017;
3° trimestre: 30 novembre 2017;
4° trimestre: entro l’ultimo giorno del mese di febbraio dell’anno successivo, per cui 28 o 29 febbraio 2018.

Leggi  QUI l’articolo intero.

Fonte: Guida Fisco